VIRTUS PAPOZZE
POSIZIONE 1° SERIE D OCEANIA
DATA ISCRIZIONE 05/11/2023
ULTIMO ACCESSO 13/07/2024 alle ore 12:56
DATI ECONOMICO-STATISTICI
STIPENDI 255.348
SPONSOR 200.000
VALORE SQUADRA 11.677.320
ETA' MEDIA GIOCATORI 29.5
LIVELLO SQUADRA
MEDIA TOP 11 685
LA STELLA HENRY OYOLA A 746
RANKING MONDIALE 448° POSTO
RANKING CONTINENTALE 55° POSTO

10/07/2024 - 23^ GIORNATA
12/07/2024 - 24^ GIORNATA
15/07/2024 - 25^ GIORNATA
17/07/2024 - 26^ GIORNATA
COMUNICATI STAMPA
21/06/2024 - Questione di misure
L'allenatrice Strapazzon ha concesso la sua prima conferenza stampa da inizio stagione. "Non abbiamo il q. così largo per stare su due sedie" ha esordito. "Ho voluto passare il primo turno di coppa per zittire quelle voci che ancora girano in paese e che mettono in dubbio le capacità di una donna di gestire una squadra di calcio e raggiungere così un risultato che non era stato ottenuto dai miei predecessori maschi. Però abbiamo deciso di abbandonare la coppa per concentrarci sul campionato. Ma questa stessa idea deve essere venuta anche al nostro avversario che solo ai supplementari è riuscito a segnare". Si spiega così la formazione piena di riserve schierata per il secondo turno.
Continua Suellen "inoltre vorrei far notare ai maligni, che nessun giocatore si è ancora infortunato. Vorrei farlo notare a quanti bollavano come "inutili" i miei trascorsi di pilates! L'anno scorso, di questi tempi, l'infermiera aveva già fatto parecchi straordinari".
Molto piccata e risoluta ha comunicato che non potrà però più seguire la preparazione atletica dei giocatori. Infatti i suoi due figli, Apollonia e Alarico, iniziano l'attività sportiva dopo scuola: fioretto per la bambina e rugby per il maschietto e dovrà portarli ai rispettivi allenamenti.
Non potendo ritardare l'inizio della preparazione della squadra (i giocatori devono essere tassativamente a casa alle 18:30 per la cena) si è deciso di assumere un nuovo preparatore atletico.
La ricerca, tramite annunci su tutte le bacheche dei supermercati del rodigino, non ha portato molti candidati. E' stato scelto infine Maicol (sic) Scanavacca perchè si è presentato con molta spavalderia, prima ancora di salutare la dirigenza, annunciando di avere i titoli per il posto in quanto in gioventù è arrivato a soli 30 secondi dal record mondiale.
Nessuno ha indagato in quale disciplina. Un suo vecchio compagno di scuola, rosso di capelli, con la zeppola, soprannominato "il cavalluccio marino", che vuole rimanere anonimo, ha dichiarato che in una competizione giovanile, l'unica gara alla quale risulta aver partecipato, Maicol ha percorso i 100 m piani in 39 secondi e 58 centesimi. Esattamente 30 secondi più lento del record di Usain Bolt.
Vedremo ora se il nuovo preparatore saprà mantenere l'integrità fisica finora ottenuta da Miss. Strapazzon con le sue sedute a suon di musica e body attillati.
Congedando la stampa, Suellen ha tracciato il programma delle prossime stagioni: quest'anno ci deve essere la promozione e l'anno prossimo una salvezza in serie C. Non dovesse arrivare quest'ultima, si lotterà l'anno dopo su entrambi i fronti, coppa e campionato.
Visti gli attributi mostrati dalla Strapazzon, alcuni paesani si sono già ricreduti e cominciano a guardare in ottica diversa anche le proprie mogli.


15/05/2024 - Una donna al comando
La stagione 74 si è archiviata senza comunicati in quanto la staffetta che solitamente porta l'articolo in redazione ha contratto una bronchite acuta che gli ha impedito di svolgere il suo lavoro.
Ora che si è ristabilito riassumiamo brevemente gli avvenimenti.
Dopo un buon girone d'andata, la malasorte ha colpito in maniera decisa privando la squadra, negli scontro decisivi, di alcune pedine fondamentali. Senza questi intoppi, la Virtus avrebbe lottato per la promozione fino all'ultima giornata.
La delusione ha portato l'allenatore a rescindere il contratto per essere sostituito, ed questa la novità più importante, da un'allenatrice: Suellen Strapazzon (figlia dell'epopea Dallas degli anni 70).
Ella svolge anche il ruolo di direttore sportivo avendo seguito un corso online di economia casalinga e di preparatore atletico avendo frequentato per 8 anni il corso di pilates nel palazzetto di via Falcone ed ha subito effettuato delle mosse sul mercato per puntare alla promozione in serie C.
Un piccolo caso tuttavia è sorto negli ultimi giorni.
Suellen ha comunicato alla punta svedese Blomqvist che non rientra più nei piani societari.
Egli, dal canto suo, ha manifestato l'intenzione di andarsene prima della fine del contratto a condizione che la sua ragazza, la nipote del sig. Pegoraro, lo segua nella nuova avventura.
Quest'ultimo, accettata ormai la relazione con "lo straniero" ha comunque posto il veto, dichiarando che la ragazza non si muoverà da Papozze finchè non avrà terminato gli studi (frequenta l'università a Ferrara e fa quotidianamente la spola fra i due paesi).
La ragazza è tormentata dal dubbio. Vorrebbe seguire il suo amato ma vorrebbe anche entrare nell'azienda di famiglia (sarebbe la prima laureata del casato) o per lo meno dare un contributo al suo ammodernamento per far fruttare i denari investiti dal nonno per la sua istruzione.
E' stato raggiunto un compromesso: il giocatore rimarrà un altro anno, la società investirà i soldi destinati al rafforzamento dell'attacco nell'acquisto di un portiere di fama internazionale e, nel caso di promozione, le due strade si separeranno.
La popolazione si è divisa in due. Da una parte i giovani che vogliono la ragazza seguire il suo fidanzato e continuare gli studi in un'altra università. Dall'altra i meno giovani uno dei quali, intervistato, ha espresso un sentimento comune che riportiamo fedelmente "il Pegoraro ha ragione, se ero io a spendere tanti soldi, perchè mantenere un giovane all'università costa e passano più tempo a fare festa che a studiare, ai miei tempi non ti dico le frustate sulle mani che ho pu, se ero io dico, e che lei va via, la chiudo in stalla a mungere le vacche finchè non mi ripagherebbe. Poi può andare dove gli pare. Ma una donna che studia poi...".
Ottant'anni fa in queste campagne ci si divideva tra Bartali e Coppi. Ora tra le sorti di una ragazza che deve ancora decidere cosa fare da grande. Anche questi sono il segno dei tempi.


23/02/2024 - Ding on the run
Non ce ne voglia sir McCartney se prendiamo in prestito il titolo di un suo celebre lavoro ma a Papozze è scoppiato il caso già battezzato dalla popolazione “fuga con la coppa”.
Nonostante infatti i proclami al suo arrivo nel paese rodigino, Ding Dong lascia la compagine rosso-giallo-verde-blu per approdare ad altri lidi e lo fa all’insaputa di tutti, lasciando l’appartamento di via Bonamico la sera stessa della fine del campionato.
Ad inizio stagione, il sig. Pegoraro aveva messo in palio un premio per il miglior marcatore della stagione. Ding Dong, con la doppietta all’ultima giornata conquistava il diritto a riceverlo ma ha lasciato il paese prima della cerimonia ufficiale.
Contestualmente è sparita dalla macelleria di via Gramsci una coppa da 850 g (è usanza del sig. Pegoraro mettere in premio oggetti che non gli appartengono anche se il suddetto insaccato è stato prodotto con la carne da lui venduta).
Non sempre uno più uno fa due ma ci sono forti sospetti sul fatto che Dong abbia “rubato” il suo premio.
Il macellaio, stanco vieppiù dei continui furti subiti, ha messo, la sera successiva, un cartello che recitava “attenzione, uno di questi insaccati è avvelenato” sperando così di scongiurare ulteriori furti. Con sua grande sorpresa però, il giorno dopo ha trovato un altro cartello messo da ignoti con la scritta “ora ce ne sono due”.
L’intera produzione è ora all’esame dei NAS e i cittadini sono costretti a servirsi della macelleria di Adria.
Tornando a discorsi calcistici, la squadra è in ritiro per preparare la stagione avvenire (lasciamo questo lapsus ortografico per suggerire il clima quasi religioso che si respira attorno alla squadra). La rosa è stata ringiovanita a scapito di un po’ di qualità che però migliorerà nel prosieguo della stagione. Il mercato è chiuso anche perché le casse sono state prosciugate. Si prepara l’assalto alla serie D nel giro di qualche stagione.


26/01/2024 - La quadrupla ora
Quest'anno il calendario è stato malevolo e ha costretto le squadre a giocare il giorno di Natale, a capodanno e all'Epifania.
Per permettere ai giocatori della Virtus Papozze di partecipare al Veglione del 31 dicembre e presentarsi comunque riposati per la partita del giorno dopo, la popolazione si era impegnata in una raccolta di idee, tutte impraticabili (chiedere all'avversario di spostare la partita o determinare l'esito della stessa con una sfida a "birra e salsicce") finchè dalle alte sfere del palazzo di Piazza delle Libertà è scaturita un'idea sconvolgente nella sua banalità. Portare avanti l'orologio di 4 ore, un'ora al giorno a partire dal 28 dicembre, per permettere ai giocatori di festeggiare e ballare fino alle 4 del mattino (ora di Papozze, mezzanotte nel resto del Paese).
Qualche disagio c'è stato soprattutto in chi lavora all'estero con qualche cartellino timbrato un'ora dopo o un'ora di straordinario non segnata.
Il sindaco ha altresì pregato gli anziani di astenersi dal passar a miglior vita per non aver problemi con l'ospedale di Adria circa l'ora del decesso (appello prontamente raccolto dalla comunità).

Purtroppo questo escamotage non ha sortito l'effetto sperato in quanto è giunta la prima sconfitta stagionale.
Fino ad oggi ne sono seguite altre 3 con l'aggiunta dell'uscita ai rigori in coppa di lega contro la Virtus Partenone, nota squadra del Peloponneso. Almeno così credeva l'autista della squadra dopo aver condotto l'autobus alle pendici dell'antico tempio greco in quasi 15 ore di viaggio. Essendosi accorto che il nome della squadra avversaria era Virtus Partenope, ha imbarcato il mezzo su un traghetto per giungere in quel di Napoli dove gli è stato comunicato che la partita si sarebbe giocata in campo neutro.
Il presidente, inviperito, ha concesso un ultimatum al povero autista che non avrà altra possibilità di errore.
In una giornata di nebbia, la squadra ha perso ai rigori 5-4 ma ancora non si sa chi abbia sbagliato quello decisivo. Ogni tiratore afferma di aver segnato. Il portiere avversario, interrogato, ha dichiarato di aver parato un tiro ad un ragazzo scuro di capelli il che purtroppo non esclude nessuno (il biondo svedese era in panchina) e il referto dell'arbitro si è inumidito e risulta illeggibile.
Dopo 18 giornate la squadra si trova in sesta posizione. Con la salvezza acquisita e la promozione che non rientra negli obbiettivi stagionali, tutte le energie sono concentrate sulla stella delle giovanili, un ragazzo norvegese di ottime speranze dal fisico possente ma dotato di una agilità senza pari.
Il sindaco ha dimenticato di ritirare agli anziani il divieto di morire con gran disappunto delle onoranze funebri le quali, in mancanza di clienti, si sono offerte di dare degna sepoltura agli animali domestici.
Nel prossimo consiglio comunale tutto dovrebbe tornare alla normalità tramite un apposito atto ma le onoranze funebri hanno fatto comunque sapere che la sepoltura degli animali domestici potrebbe continuare avendo avuto un buon riscontro (il terreno per questo singolare cimitero, 4 acri in tutto, sono stati concessi in affitto dal sig. Pegoraro per un anno, poi quest'ultimo tornerà a coltivarli a pannocchie).


23/12/2023 - Ludwig Van... seconda parte
Purtroppo l'infortunio dell'innominato (così è soprannominato Isaac Kh-qualcosa) rende complicato lo schieramento di una formazione competitiva e alla terza giornata arriva il primo pareggio (e il primo gol subito dopo 13 giornate) con Hibees, squadra totalmente allo sbando per quanto riguarda i vertici societari dimissionari, che però gioca ancora un buon calcio.
Ora la quarta partita sarà giocata il giorno di Natale.
Il sig. Pegoraro ha invitato tutta la squadra a pranzo prima della partenza per l'insidiosa trasferta.
Ha assicurato che non rimpinzerà eccessivamente i giocatori: ci sarà il cappone ma non ci sarà il panettone. E' in dubbio la presenza degli antipasti, per non allungare i tempi.
La nipote dell'anziano contadino è stata vista nella macelleria paesana per acquistare carne bovina.
Interpellato dalla nostra troupe, il titolare dell'attività di via Gramsci, ha detto che la ragazza vuole preparare i köttbullar, le famose polpette svedesi (aveva infatti chiesto anche dello zenzero).
La quantità di carne acquistata, assicura chi l'ha servita, dovrebbe bastare per una decina di polpette.
Qualche malpensante suggerisce che la ragazza offrirà al biondo Blonqvist, giovane punta della squadra, il piatto tipico svedese in un incontro appartato.
Quella stessa persona, durante l'intervista, si è illuminata dicendo di aver finalmente dato un senso alla presenza del giocatore della Virtus Papozze nel negozio Swarovski di Adria.
Ha aggiunto però, mosso da un afflato di redenzione, che è Natale anche e soprattutto per i giovani.
Ci uniamo al suo pensiero e auguriamo a tutti i lettori di non appesantirsi troppo durante le feste.